PARROCCHIA di bardolino e CISANO

 Orari SS. Messe Vicaria Lago veronese

Orari ss. Messe:  Feriali   18,30

Prefestivi 18,00 ( 19,00 ora legale )

Festivi  7,30;  9,30.  11,00;  18,00; ( 19,00 ora legale )

Credere est cum assensione cogitare

Credere è pensare con libera adesione. Sant'Agostino

Pasqua nella casa

Clicca sul Bottone sottostante per il Downolad

del documento

DOWNLOAD PDF

SETTIMANA SANTA

Clicca sui bottoni sottostanti per la visione

dei contenuti

  Lettera del Parroco e Sacerdoti

  Programma Settimana Santa

  Preghiera in Famiglia

MODULO ISCRIZIONI CAMPOSCUOLA 2020

LETTERA DEL PARROCO

PARROCCHIE DI BARDOLINO e CISANO

AVVISI PARROCCHIALI

LETTERA DEL PARROCO E COLLABORATORI

Questo è il giorno che ha fatto il Signore:

rallegriamoci ed esultiamo

 

Carissimi

in occasione della santa Pasqua, sento il bisogno di raggiungervi, con un semplice messaggio, che accompagna il mio sincero augurio: Buona Pasqua .

Una Pasqua particolare, con un sapore particolare, con una gioia contenuta, ma non per questo meno profonda.

Quest'anno le campane suoneranno ancor più forte, ma le comunità non si raduneranno in chiesa. Quest'anno sicuramente pregheremo molto di più e meglio, ma non avremo la possibilità di pregare insieme.

Una Pasqua, più raccolta, da celebrare in famiglia.

Che non sia però, una Pasqua “ridotta”, una Pasqua triste, una Pasqua da dimenticare presto. Tutt’altro!

La mia fede, la mia fede pasquale, nel Signore Risorto mi dà la certezza che a lui nulla sfugge, è tutto sotto il suo controllo: infatti egli è il Signore, il vincitore.

E allora questa è una Pasqua diversa, sì, ma non minore.

Sì, perché la nostra vita, la vita di tutti, è custodita ed è custodita anche la vita di coloro che, in questi ultimi giorni se ne sono andati da questo mondo.

Tutti abbiamo in cuore la stessa sofferenza e stiamo dicendo al Signore: quando finisce? Fino a quando, Signore? Non so cosa accadrà. So solo che è forte la tentazione del sentirci abbandonati, anche dal Signore. Ammettiamolo è la tentazione di tutti.

No, fratelli miei. Non cadiamoci, non assecondiamola questa tentazione. E’quello che vuole il divisore, il maligno. Vuole rompere questa certezza che siamo del Signore.

Vuole dirci: Ecco! Cosa fa il tuo Dio per te? Non c'è, non ti difende. Il suo Figlio, che non esiste, non è risorto. Carissimi, perdonate questo linguaggio, ma non possiamo nascondere che è questa la tentazione. Ma non è così, credetelo. Il Signore è il vincitore e ha vinto dopo i giorni bui della sua passione e morte.

In questi giorni, pertanto, siamo chiamati a riscoprire la fecondità della croce di Gesù, la fecondità della sua fiducia nel Padre, la fecondità della sua obbedienza e la fecondità del dono di se stesso.

In questa durissima Quaresima siamo stati chiamati a camminare con Gesù. Egli bussa alla nostra porta: apriamogli, perché egli stia con noi, ci parli, ci consoli, ci guidi, ci doni speranza, ci comunichi la sua stessa vita di figli di Dio.

Carissimi, nessuno ci rubi la gioia pasquale.

Un saluto particolare carico di stima di affetto, lo rivolgo alle persone anziane, agli ammalati, ai bambini, ai ragazzi, agli adolescenti, ai giovani sentitevi tutti, sempre ricordati nelle mie preghiere.

Che ognuno di voi sappia fare spazio alla vita del Risorto, riconoscendolo “morto per amore, vivo in mezzo a noi”, e ponendo nella propria storia e nel mondo efficaci e gioiosi gesti di vita.

Vi affido tutti all'intercessione dei Santi Nicolò e Severo e a Maria Santissima contemplata nella sua natività, patroni delle nostre parrocchie.

 

Buona Pasqua

d.Flavio  d.Giuseppe  d.Luigi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preghiera in famiglia

Un Triduo strano come questo, va preparato.

 

 

Giovedì Santo

 

Al mattino cercate un angolo della casa adeguato dove preparare un piccolo altare con una tovaglia bianca, una Bibbia e, se lo possedete, un cero o una candela che accenderete ad ogni preghiera. Prima del pranzo, vi radunerete e dopo un segno di croce leggerete  il testo: Esodo 12,1-15. Al termine della lettura sostate in silenzio brevemente e concludete il momento con la preghiera del Padre nostro.

 

Benedizione del Pane

 

In questa giornata, memoria della cena di Gesù, il dono di stesso nel Pane Eucaristico, è possibile benedire in casa il pane con questa preghiera allegata. Prima della cena, si condivide la preghiera di benedizione, si inizia con il Segno della croce…

 

Sii glorificato, Signore Dio nostro:

 

tu che colmi delle tue benedizioni ogni  creatura e hai manifestato il tuo amore nel dono del tuo Figlio che ha dato la sua vita consegnandola nel sacramento dell’Eucaristia, concedi a quanti si nutriranno di questo pane che oggi nel memoriale dell’Ultima Cena benediciamo in tuo nome (ciascuno fa su di sé un segno di croce), di abbondare della tua grazia e di crescere nel tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen

Al termine della preghiera, prima di iniziare a cenare si spezza il pane. E’ il ricordo familiare della cena Pasquale di Gesù

 

Venerdì Santo

 

Al mattino, nel luogo dove avete posizionato la Bibbia, ponete il crocefisso.

Dopo il segno della croce leggete e ascoltate il Vangelo di Giovanni cap.15 e concludete con la preghiera del Padre nostro.

 

Sabato  Santo

 

E’ il giorno del sepolcro, del buio, del silenzio di Dio.

Il silenzio ci fa rientrare in noi stessi e ci invita alla contemplazione. E’ il tempo dell’attesa.

Al mattino appena svegli, mettete sull’altare preparato un orologio , per indicare che anche questo tempo di silenzio, di sofferenza, di fatica va attraversato con fiducia, con coraggio insieme. Preghiamo con il salmo 63 che nella Bibbia.

Concludo le preghiere del mattino con il Padre nostro.

 

Domenica di Pasqua

 

Appena svegli potrebbe essere una novità davvero interessante e ricca di fede, salutarsi con il saluto che risuona ancora oggi nella chiesa greca: Alleluia Gesù è veramente Risorto.

 

 

 

 

 

CONTATTI

Tel.  045 721 0016

PARROCCHIA DI BARDOLINO   torna all'inizio