Bardolino Lago di Garda Verona

                              PARROCCHIA ss. NICOLO' E SEVERO

 

                                                             Orari ss. Messe:  Feriali   18,30  Feriali Luglio - Agosto  8,30  e  18,30

                                                                                        Festivi  7,30;   9,30.  11,00;  18,00; ( 19,00 ora legale )

Bacheca

Avvisi

APPUNTAMENTI PARROCCHIALI

Clicca sul pulsante sottostante per visionare la lista completa

DOWNLOAD PDF LISTA

Download Parrocchia Viva

12  CESTE

Clicca sul pulsante sottostante per

scaricare il PDF dell'Emporio con Orari di apertura

DOWNLOAD

DOWNLOAD CORSO FIDANZATI

Settimanali

PARROCCHIA DI BARDOLINO

AVVISI PARROCCHIALI

XXVIII Domenica del Tempo Ordinario

15 ottobre 2017

• Giovedì 19 ottobre, in Chiesa, adorazione eucaristica dalle ore 8.30 alle ore 12.00. Pregheremo per la pace nel mondo.

 

• Venerdì 20 ottobre, alle ore 20.30 al Centro Giovanile Corallo, proseguono gli incontri con gli adolescenti.

 

• Ricordo che domenica prossima 22 ottobre celebreremo la 91^ Giornata Missionaria Mondiale.

 

• Per concludere il mese del Rosario, la Parrocchia ha organizzato per Giovedì 26 ottobre un pellegrinaggio di mezza giornata al Santuario di S. Maria Valverde a Marano di Valpolicella, con cena in un locale della zona. Il costo complessivo è di € 25.00. Le iscrizioni si raccolgono in Sacrestia e sono aperte fino ad esaurimento posti. Le locandine sono appese alle porte della Chiesa e alcune copie le trovate sui tavoli in Chiesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pax et bonum

Don Giovanni con i sacerdoti collaboratori

 

 

Lettera del Parroco

Carissime Famiglie,

La pace del Signore sia con voi!

Alla scoperta della tomba di Gesù aperta e vuota, il giorno dopo il sabato, seguono immediatamente le apparizioni del Risorto alle donne, agli apostoli e ai discepoli. Nei Vangeli leggiamo racconti dettagliati dell’incontro del Signore con Maria Maddalena (cfr Gv 20,11-18), con l’Apostolo Pietro (cfr Gv 21,15- 19), con i discepoli di Emmaus (cfr Lc 24,13-35), con l’Apostolo Tommaso (cfr Gv 20,24-29), ma i testi sacri non dicono nulla di specifico di una eventuale apparizione di Gesù nella condizione di Risorto a sua Madre, Maria di Nazaret. Forse una dimenticanza degli autori sacri? Forse una decisione ponderata? Forse al momento della stesura dei Vangeli, essi ritennero che tale aspetto non fosse particolarmente importante? Non sono queste le ragioni ... Ve ne sono altre di un certo spessore spirituale e teologico. Innanzitutto, dal punto di vista semplicemente umano e affettivo ci viene spontaneo pensare che Gesù si sia mostrato nella gloria della risurrezione a sua Madre. Ella, che aveva condiviso e partecipato al cammino di sofferenza e di morte del Figlio, come poteva rimanere esclusa dalla gioia di vederLo Risorto. Non se ne parla esplicitamente nei Vangeli perché si tratta di un’esperienza relazionale così profonda, confidenziale e impregnata di amore che era giusto venisse custodita nel silenzio e nel mistero divino. Tuttavia, il fatto che all’indomani della sua sepoltura, Gesù risorto dai morti si sia mostrato agli Apostoli riuniti per timore dei Giudei nel Cenacolo, ci porta a credere che proprio in tale contesto “ecclesiale” Maria abbia visto il suo Figlio. La madre di Gesù, infatti, stava con gli Apostoli ... ad uno di essi era stata affidata dal Cristo morente sulla Croce (Gv 19,27); nel giorno della Pentecoste, Ella si trovava nel Cenacolo con i “Dodici” (Atti 1, 13-14), e, fin dall’inizio della loro missione di evangelizzazione, condivideva le loro gioie e le loro fatiche (cfr Atti degli Apostoli). Questo dato di fatto ci insegna a collocare Maria non sopra o fuori dalla Chiesa, ma parte di essa: suo membro eletto in virtù della divina maternità. Sì, Maria beneficia dell’esperienza unica e irrepetibile delle apparizioni del Risorto nella comunità cristiana originaria! Gode di questo dono dato dal suo Figlio non solo a Lei ma alla Chiesa nascente. Ne consegue che una vera devozione a Maria è profondamente collegata con l’amore e con la partecipazione alla vita della Chiesa; con l’obbedienza all’insegnamento del Papa e dei Vescovi in ordine alla fede e alla morale; con un itinerario di vita sacramentale. Ancora una considerazione. Maria è donna di fede. Così ci è presentata nei Vangeli. Il suo credere fermo e deciso in Gesù La porta a starGli sempre vicino con modalità diverse: nella tenerezza educativa nel corso dell’infanzia e della adolescenza, nella gioiosa sequela durante il suo ministero pubblico iniziato dopo il Battesimo al Giordano, nella preoccupazione dei momenti di tensione con gli scribi, con i farisei e con le autorità religiose di quel tempo, nella sofferenza della passione e della morte. Proprio sotto la Croce, Maria rivela lo spessore della sua fede. Sul Calvario, Ella non solo partecipa al donarsi di Gesù, ma offre, come Madre, quel suo Figlio al Padre celeste per amore dell’umanità; la fede di Maria è sorretta dalla speranza in un prodigioso e sicuro intervento di Dio a favore l’Unigenito Figlio diletto. Per diretta esperienza personale, Maria sapeva che Dio sa fare grandi cose, .... lo aveva un giorno confidato alla cugina Elisabetta con queste parole: “grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e santo è il suo Nome” (Lc 1,49). La sua fede Le suggeriva di non considerare chiusa nel sepolcro la vicenda di Gesù, ma di guardare oltre e attendere da Dio qualcosa di nuovo, di grande e di sorprendente. Maria, in qualche modo, era già proiettata nell’evento della Risurrezione. Per Lei, le apparizioni erano solo una gioiosa conferma della sua fede già piena e matura; per gli Apostoli e i discepoli, invece, il mostrarsi di Gesù risorto era necessario per la loro fede duramente provata durante la Passione e di fronte alla tomba vuota. Anche per questo aspetto, Maria diventa Maestra per tutti: ci insegna il valore e l’importanza della fede in quanto relazione di amore a Gesù e impegno a vivere secondo il suo insegnamento.

Per tutto questo e per altri motivi ancora, ringraziamo e diamo la giusta devozione a Maria santissima. Vi invito pertanto, nel mese di maggio, alla preghiera comunitaria del Rosario in Chiesa e nelle chiesette campestri come dal programma che trovate all’interno (pag.4) di questo Notiziario.

Con affetto                                                                                           Don Giovanni

NEWS

APP CHIESA IN 3D

VAI A PLAY STORE

APP MONUMENTI 3D

VAI A PLAY STORE

APP CAPITELLI 3D

VAI A PLAY STORE

DOVE SIAMO

CONTATTI

CONTATTI

PARROCCHIA SS. NICOLÒ E SEVERO

Piazza G. Matteotti, 2

37011 Bardolino (Vr)

tel./ fax 045.7210016

mail: bardolinoparrocchia@gmail.com