PARROCCHIA di bardolino E CISANO

 Orari SS. Messe Vicaria Lago veronese

Animatore Sig.a Allavena Daniela

 Direttore spirituale del Gruppo Bonomi Renato

 Vice animatore Mancini Carlotta

 

Credere est cum assensione cogitare

Credere è pensare con libera adesione. Sant'Agostino

INFO

 Ogni 2° e 4° venerdì di ogni mese alle ore 17,45 inizia il rosario meditato, coroncina al Sacro Cuore di Gesù, preghiera a San Pio da Pietrelcina; segue Santa Messa.

READ MORE

Piazza San Pietro, 16 giugno 2002

Tratto dal libretto per la canonizzazione del BEATO PADRE PIO DA PIETRALCINA presbitero dei frati minori cappuccini avvenuta in Piazza S. Pietro il 16 giugno 2002

XI DOMENICA DEL TEMPO “PER ANNUM”

 

 

Per me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo “(  Gal,6,14 ).

PADRE PIO DA PIETRELCINA, come l'Apostolo Paolo, al vertice della sua vita e del suo apostolato pose la Croce del suo Signore come sua forza, sua sapienza e sua gloria. Infiammato d'amore per Gesù Cristo, si conformò a Lui nell'immolazione di sé per la salvezza del mondo. Nella sequela e nell'imitazione di Cristo Crocifisso fu così generoso e perfetto che avrebbe potuto dire:” Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me”(Gal 2,19-20). E i tesori di grazia, che Dio gli aveva concesso con singolare larghezza, senza sosta egli dispensò con il suo ministero, servendo gli uomini e le donne che a lui accorrevano sempre più numerosi e generando una immensa moltitudine di figli e figlie spirituali.

Questo degnissimo seguace di San Francesco d'Assisi nacque il 25 maggio 1887 a Pietrelcina, nell'arcidiocesi di Benevento, da Grazio Forgione e Maria Giuseppa De Nunzio. Fu battezzato il giorno successivo col nome di Francesco. A 12 anni ricevette il sacramento della cresima e la prima Comunione.

A 16 anni, il 6 gennaio1903, entrò nel noviziato dell'Ordine dei frati minori Cappuccini a Morcone, ove il 22 dello stesso mese vestì l'abito francescano e si chiamo fra Pio. Terminato l'anno di noviziato, emise  la professione dei voti semplici e, il 27 gennaio 1907, quella dei voti solenni.

Dopo l'ordinazione sacerdotale, ricevuta il 10 agosto 1910 a Benevento, restò in famiglia fino al 1916 per motivi di salute. Nel settembre dello stesso anno fu mandato al convento di S. Giovanni Rotondo e vi rimase sino alla morte.

Acceso dall'amore di Dio e dall'amore del prossimo, Padre Pio visse in pienezza la vocazione a contribuire alla redenzione dell'uomo, secondo la speciale missione che caratterizzò tutta la sua vita e che gli attuò mediante la direzione spirituale dei fedeli, mediante la riconciliazione sacramentale dei penitenti e mediante la celebrazione dell'Eucarestia. Il momento più alto della sua attività apostolica era quello in cui celebrava la Santa Messa. I fedeli, che vi partecipavano, percepivano il vertice e la pienezza della sua spiritualità.

Sul piano della carità sociale si impegnò per alleviare  dolori e miserie di tante famiglie, principalmente con la fondazione della “Casa Sollievo della Sofferenza”, inaugurata il 5 / 5 1956.

Per Padre Pio la fede era la vita: tutto voleva e tutto faceva alla luce della fede. Fu assiduamente impegnato nella preghiera. Passava la giornata e gran parte della notte in colloquio con Dio. Diceva: “ Nei libri cerchiamo Dio, nella preghiera Lo troviamo. La preghiera è la chiave che apre il cuore di Dio”. La fede lo portò sempre all'accettazione della volontà misteriosa di Dio.

Fu sempre immerso nelle realtà soprannaturali. Non solo egli era l'uomo della speranza e della fiducia totale in Dio, ma infondeva queste virtù in tutti quelli che lo avvicinavano, con le parole e con l'esempio.

L'amore di Dio lo riempiva, soddisfacendo ogni sua attesa; la carità era il principio ispiratore della sua giornata: Dio da amare e da far amare. Sua particolare preoccupazione: crescere e far crescere nella carità.

 

 

 

 

DOWNLOAD DOCUMENTI

PARROCCHIA DI BARDOLINO   torna all'inizio